MAP centro interuniversitario memoria arti performative

MAP

Centro Interuniversitario di Ricerca
per la Memoria delle Arti Performative

MAP è un centro interuniversitario di ricerca nato tra l’Università degli Studi di Roma Tor Vergata, l’Università degli Studi di Parma e l’Università degli Studi di Genova per sviluppare ricerche e progetti, organizzare incontri e seminari, curare e condividere la riflessione sulla memoria delle arti performative, in quanto patrimonio materiale e immateriale.

MAP si occupa di teatro, danza, performance e anche di quelle pratiche culturali festive, rituali, politiche, in cui l’elemento performativo è cruciale.

MAP è attento alle modalità in cui la memoria è costruita, utilizzata e riattivata.

MAP si propone di attivare multiple relazioni tra università, teatri, archivi e società, facendosi piattaforma di collaborazione scientifica, didattica e divulgativa.

In evidenza

Convocazione Assemblea degli aderenti


26 Gennaio 2024, ore 9:00

L’Assemblea degli aderenti del Centro Interateneo per la Memoria delle Ari Performative è convocata per venerdì 26 gennaio alle ore 9:00.
L’incontro avverrà a distanza per agevolare la partecipazione di tutte e tutti. Per ottenere il link e conoscere l’ordine del giorno, scarica la Convenzione in pdf:

La mostra “Festival Internazionale del Teatro Universitario di Parma (1953-1975)è online


L’iniziativa, promossa dal Gruppo di ricerca per la storia dell’Università di Parma, in collaborazione con l’Archivio Storico dell’Università degli Studi di Parma, Centro interuniversitario di ricerca per la Memoria delle Arti Performative (MAP) e CAPAS, celebra i settant’anni del Festival Internazionale del Teatro Universitario di Parma. Esperienza unica in Italia, il FITU ha rappresentato per oltre venti anni un crocevia intellettuale e artistico delle giovani generazioni e uno spazio privilegiato per la diffusione di estetiche teatrali e di orientamenti culturali e politici.
La mostra virtuale su piattaforma Omeka ne promuove la memoria e ne valorizza i documenti, esponendo, tra le altre, fonti provenienti dagli archivi delle Università di Bristol e Zagabria.
Il 29 novembre 2023, in occasione dell’inaugurazione dell’esposizione, si è tenuta a Parma una giornata di studi coordinata da Roberta Gandolfi, Piergiovanni Genovesi, Maria Grazia Perazzo e Fabrizio Solieri.

Torna in alto